IN UCRAINA: STIPENDIO DA 50MILA $ AL FIGLIO DI BIDEN

0
1405

Hunter Biden, figlio del presidente americano, prendeva 50mila dollari al mese di stipendio, pur non conoscendo la lingua e senza avere esperienze specifiche.

Articolo di Enrico Levantino

Nel 2014 Barak Obama (il guerrafondaio) mandò Biden (che era il suo braccio destro) in Ucraina per dare appoggio ai nazionalisti ucraini che avevano messo in fuga l’allora presidente filorusso (Yanukovich).  Fu appunto Biden ad avvicinare l’Ucraina alla Nato. Voleva togliere potere politico ed economico alla Russia.
(domanda: perché gli americani volevano “rompere i coglioni” ai russi?)
Nell’aprile 2014 la Burisma Holdings, la maggiore compagnia energetica dell’Ucraina (attiva sia su gas che petrolio), assume per una consulenza proprio Hunter Biden. Avere nel proprio board un nome di “peso” avrebbe sicuramente portato giovamento al prestigio dell’azienda. Hunter Biden viene assunto con uno stipendio di 50mila dollari al mese.
Il figlio di Biden venne scelto nonostante non parlasse la lingua e non avesse particolari esperienze nel campo energetico. In famiglia Hunter Biden è sempre stato considerato la “pecora nera”. Era nei riservisti della Marina dove però nel 2014 fu congedato perché trovato positivo alla cocaina. Hunter Biden non aveva grandi prospettive in casa ma grazie alla sua laurea in legge trovò “fortuna” nella consulenza (grazie al potere e alle raccomandazioni del  paparuccio).
In quei mesi Joe Biden ha proseguito la politica americana volta a far riprendere il possesso da parte dell’Ucraina di quelle zone del Donbass. La zona di Donespt è ritenuta ricca di giacimenti di gas non ancora esplorati finite nel mirino della Burisma Holdings.  Toh, che coincidenza: Hunter entra nella Burisma Holding e il padre, Joe Biden, fa strategie (losche) per indurre l’Ucraina a conquistare  (a colpi di bombe, stupri e atrocità) il Donbas dove ci sono fonti di gas su cui la Burisma aveva messo gli occhi. Una cosa cosi disgustosa che ha fatto storcere il naso anche ai media americani in quegli anni.
Prima di “piazzare” il figlio Hunter in Ucraina, Joe aveva portato il figlio in un viaggio di stato in Cina, dove Hunter aveva incontrato uomini d’affari, iniziativa che persino un ex consigliere di Obama, aveva definito “preoccupante” perché “sollevava questioni se avesse fatto leva su possibili finanziamenti”.

Il potenziale conflitto d’interessi riaffiora nel 2016 quando, con l’appoggio dell’Unione Europea, Un procuratore stava indagando il fondatore della compagnia (Mykola Zlochevsky), dove lavorava Hunter,  per  un caso di tangenti milionarie per ottenere le licenze nello sfruttamento del gas.  I fatti risalivano al periodo dal 2010 al 2012.
Ma nel 2016, periodo in cui Hunter lavorava nella compagnia indagata (a 50mila dollari a mese) avvenne che il padre Joe decise di “far fuori” quel procuratore.
Biden minacciò di congelare un miliardo di dollari di aiuti a meno che i leader ucraini non avessero licenziato il procuratore generale Viktor Shokin.
Ebbene, quel procuratore che stava facendo bene il suo lavoro fu licenziato e il caso fu archiviato (e il presidente della Burisma Holding non dovette più rispondere della corruzione messa in atto).
Lo stesso Biden se ne vantò durante un incontro pubblico nel 2018. Disse: “Li guardai negli occhi e dissi, io parto tra sei ore, se il procuratore non è stato licenziato, non avrete i soldi”
Imbarazzante! Non a caso, Hunter si è dimesso dall’incarico in aprile, quando il padre si è candidato.
Ma tranquilli, presto papà Biden, piazzerà il figlio Hunter (la pecora nera di famiglia, positivo alla cocaina) da qualche altra parte.

Ed è anche un evasore!
Hunter Biden, figlio del presidente eletto Joe Biden, non avrebbe dichiarato nel 2014 al fisco americano 400 mila dollari ricevuti come compenso dalla società ucraina del gas Burisma. Lo riporta Nbc News. Le nuove rivelazioni sarebbero contenute nel famoso computer ritrovato nel Delaware in un negozio di riparazioni e appartenuto a Hunter Biden. Nbc è entrata in possesso di una copia di una email trovata nel pc.
Lo staff di Biden, contattato da Nbc, non ha risposto a una serie di domande, tra cui una che chiedeva se Hunter avesse poi chiarito la sua posizione riguardo la dichiarazione dei redditi del 2014.
Non so a voi, ma a me questa storia mette il vomito.

I Cuori Ribelli non sopportano le ingiustizie e i soprusi di Stato e della UE:

Rendi migliore il mondo attorno a te, sii un Cuore Ribelle